Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Incontro con Concetto Vecchio

Data:

21/10/2021


Incontro con Concetto Vecchio

Al Volkshaus di Zurigo, incontro con lo scrittore Concetto Vecchio che presenterà il suo libro "Cacciateli. Quando i migranti eravamo noi." (Feltrinelli, 2019). In Svizzera la traduzione del libro in tedesco "Jagt sie weg!" (Orell Füssli, 2020) è stata nella classifica dei libri più venduti per settimane. Sarà garantito un servizio di traduzione simultanea dall'italiano al tedesco.

Nel 1968, il consigliere nazionale James Schwarzenbach lancia un'iniziativa con lo scopo di evitare che la Svizzera sia invasa dagli stranieri e di rimandare a casa più di 300.000 lavoratori stranieri, principalmente italiani. Questo è il segnale di partenza per una campagna diffamatoria senza precedenti che dura anni, divide la popolazione svizzera e viene respinta con il 54 % nel 1970.

Nel suo libro, metà autobiografico e metà storico, Concetto Vecchio racconta la storia dei suoi genitori, di origini siciliane, e di altri migranti che cercarono fortuna in Svizzera negli anni '60 ma incontrarono una palese xenofobia, furono sfruttati come lavoratori ed emarginati come esseri umani.

Vecchio delinea i due mondi: quello di Schwarzenbach, che è considerato il precursore dei populisti di destra di oggi, e quello dei lavoratori ospiti sradicati che hanno portato un boom economico al paese e che tuttavia hanno incontrato odio e rifiuto. Per quanto le discriminazioni istituzionali e l'esclusione sociale degli italiani siano inimmaginabili dalla prospettiva odierna, la retrospettiva mostra tuttavia che poco è cambiato in termini di contenuto del dibattito.

Concetto Vecchio (1970) è giornalista alla redazione politica di Repubblica. Vive a Roma. Ha scritto Vietato obbedire (2005), un saggio sul '68 alla facoltà di Sociologia di Trento, con cui ha vinto il premio Capalbio e il premio Pannunzio; Ali di piombo (2007), sul movimento del '77 e il delitto Casalegno; Giovani e belli (2009). Con Feltrinelli ha pubblicato Giorgiana Masi. Indagine su un mistero italiano (2017) e Cacciateli! Quando i migranti eravamo noi (2019).

Per partecipare all’evento è obbligatorio essere in possesso del COVID-certificato (vaccinati, guariti o muniti di un test negativo (48h)); inoltre è obbligatoria l’iscrizione per tutte le persone, comunicando a iiczurigo@esteri.it quanto segue:

Nome e cognome:
Indirizzo e-mail:
Telefono:

Anche durante la manifestazione sarà obbligatorio indossare la mascherina.

INVITO

Dove e quando:
giovedì 21 ottobre 2021, ore 18.30, Volkshaus Zürich (weisser Saal), Stauffacherstr. 60, Zurigo

Evento in occasione della Settimana della Lingua e della Cultura Italiana nel Mondo 2021.

Informazioni

Data: Gio 21 Ott 2021

Ingresso : Libero


Luogo:

Volkshaus Zürich, Stauffacherstr. 60

1178